Editorialisti

30 Gennaio 2017

DALLA POSITIVITÀ DEL MERCATO RINASCE LA FIDUCIA

share Anna Montalbetti

Un anno fa, su queste stesse pagine, auspicavamo che il mercato potesse finalmente riprendere a crescere e ora, dopo 12 mesi, possiamo dire che “il miracolo” è accaduto. La produzione e la vendita di mobili, per la prima volta dopo un lungo periodo di flessioni, sono ritornate a segnare risultati positivi. Lo ha rilevato Csil nel suo consueto seminario annuale. Certo, l’incremento non è esorbitante: si tratta di un +1,3%, lo stesso trend registrato da GfK per il mercato delle cucine nel primo semestre del 2016. Ma il valore racchiuso dentro questo pallido numero è, a ben guardare, incommensurabile. Quanti imprenditori, diciamocelo, aspettavano questo momento? Dal 2008 la crisi attanaglia il nostro Paese, e nel suo percorso distruttivo ha trascinato con sé tante realtà della produzione e tantissime della vendita. Chi è rimasto ha “stretto i denti” per anni, ha mutato completamente mentalità per adattarsi a rispondere a un consumatore con un potere d’acquisto ridotto ed esigenze e gusti del tutto nuovi.

Vedere finalmente che tanta fatica ha portato frutto risolleva un morale che per molti era ormai “sotto le scarpe”. E fa tirare un respiro di sollievo anche a quelle realtà che, pur nella fatica, hanno sofferto meno o addirittura sono cresciute, perché in un mercato positivo per tutti è più facile lavorare e si può riprendere con maggiore incisività a elaborare strategie di medio-lungo periodo. Tanto più che, nonostante l’instabilità politica, gli istituti di ricerca indicano che anche il 2017 è atteso in crescita. Per il settore degli elettrodomestici un consolidamento c’è già, perché anche il 2015 si è chiuso col segno +.

Il fatto poi che pure quest’anno si possa usufruire del bonus Mobili non fa che corroborare le previsioni ottimistiche. Tutto ciò permette agli operatori di recuperare quella speranza e fiducia che rappresentano il vero motore propulsivo delle imprese, e di affrontare le difficoltà, che pur non mancheranno, con maggiore serenità. È opportuno dunque proseguire con le strategie che hanno portato buon frutto e continuare a tenere gli occhi fissi al consumatore e alle sue mutevoli esigenze, per avvincerlo sempre di più ai prodotti di arredo per la cucina e agli elettrodomestici, cuore pulsante della casa, rifugio ormai irrinunciabile per chiunque.

UN SALUTO AI LETTORI

Consentitemi di approfittare di questo spazio per salutarvi tutti. Con questo numero cessa la mia collaborazione con Progetto Cucina ed Editoriale Duesse. Nuove avventure attendono anche me. E in tale occasione desidero ringraziarvi, uno a uno, per la cordialità che mi avete sempre dimostrato in questi oltre 10 anni. Ho imparato da tutti e posso dire che la rivista l’abbiamo fatta insieme. Una rivista che avete seguito con fedeltà e che deve proprio ai lettori, protagonisti del mercato, il suo successo. Sono certa che continuerà a essere così.

Ringrazio l’Editore per questi anni di proficuo lavoro comune e auguro a tutti un ottimo 2017!

Anna Montalbetti

Nata a: Varese l’8/10/1971.

In Editoriale Duesse dal: dicembre 2002.

Esperta in: ricami e ricette d’altri tempi.

Quando non scrive su Progetto Cucina si occupa di: far contenti gli amici con buoni piatti, leggere libri per vincere l’insonnia (soprattutto Guareschi).

Le piace: l’ironia che stempera - senza eludere - le preoccupazioni, il canto e… cucinare, soprattutto le torte.

Non ama: il lamento, la pianura (è tutto così piatto) e i carciofi.

Il brano musicale che cambia la vita: Nessun Dorma - Puccini, Turandot - (cantata da me, naturalmente).

Si è innamorata della cucina grazie a: una zia che le ha insegnato a fare i dolcetti prima ancora che imparasse a parlare.


Archivio