Editorialisti

28 Aprile 2010

Creatività di qualità

share Arianna Sorbara Ab - Abitare il bagno

Uno, cento, mille novità. Nemmeno la crisi di questo ultimo periodo sembra aver bloccato il processo creativo dell’industria e questo sottolinea come le aziende si siano rimboccate le maniche, abbiano lavorato sodo e si siano impegnate per presentare dei futuri bestseller e dei progetti d’arredamento capaci di destare curiosità, interesse e ovviamente incrementare il business. È per questo motivo che su questo numero dedichiamo ampio spazio alle novità e ai prodotti di punta che sono i veri protagonisti del Salone del mobile perché, nonostante tutte le difficoltà, le aziende vogliono dare un segnale forte alla distribuzione, dimostrare che ci sono, che non hanno smesso di investire e che vogliono rafforzare la collaborazione con loro.
Ma cosa farà la differenza? Non certo i colori scelti o le forme dei sanitari e dei mobili, ma i nuovi materiali, i prodotti efficienti ed ecosostenibili, le proposte d’arredo per l’abitare moderno e contemporaneo e tutte quelle soluzioni progettuali che rivoluzioneranno il modo di pensare e organizzare il bagno.
Puntare su questo, ovvero conferire al prodotto un contenuto, invece di pensare semplicemente ed esclusivamente al design e a chi firma il prodotto, è la strada verso cui industria e distribuzione si devono orientare per ripensare nuovi modelli di business e dare più valore al mercato.

Arianna Sorbara Ab - Abitare il bagno

Testarda e amante delle sfide. Cancro ascendente vergine (e ho detto tutto). A sei anni sognavo di diventare pompiere o sassofonista di una jazz band. Poi, un giorno, scrivo il mio primo articolo e mi innamoro di questo mestiere.
Amo il mio cane Rudolph, le crêpes (ma rigorosamente quelle che si mangiano nel quartiere Saint-Germain-des-Prés, a Parigi), le piante grasse e gli scarponi da trekking consumati dalle tante camminate fatte tra le montagne del Trentino.
Sono in Editoriale Duesse dal 2006 e lavoro su Ab da quando era ancora solo un progetto. Del mio lavoro mi diverte il fermento quotidiano, dar fastidio alla concorrenza e scovare quelle notizie che nessuno ancora ha trovato. Ma, quello che mi affascina di più, è fermarmi a osservare le dinamiche che regolano il mercato dell’arredobagno per capire quali saranno le tendenze nel futuro.


Archivio