Editorialisti

20 Gennaio 2012

LIBERI TUTTI?

share Elena Reguzzoni TCE

“La liberalizzazione totale e selvaggia degli orari e delle aperture è solo un altro regalo alla grande distribuzione e una batosta per le piccole imprese”, ha urlato qualche giorno fa al TG7 un presidente di Regione. Manco a dirlo, rieccoci con la solita – e quanto mai trasversale - levata di scudi contro le liberalizzazioni e con l’ennesima invocazione di protezione dei piccoli Davide contro i grandi Golia. Peccato però che non si stia scegliendo fra grande distribuzione ed esercizi tradizionali, né tra la potenza economica delle grandi insegne e il valore anche sociale dei negozi di vicinato, ma si stia in realtà chiedendo di bloccare l’evoluzione stessa del commercio. Come avrebbe detto Henry Ford, si sta fermando l’orologio per cercare di bloccare il tempo. E aggiungiamo assurdamente, perché il quadro dei consumi è terribilmente cambiato e arroccarsi sul campanile del “Non siamo sempre aperti” ha veramente poco senso. In primo luogo perché non si può pensare certo che la valorizzazione e il rilancio del trade tradizionale possa passare da posizioni protezionistiche, quanto anacronistiche, né tanto meno imputare la possibile chiusura di altre centinaia di piccoli negozi al semplice fatto che le grandi superfici potranno permettersi di stare aperte fino alle 22 e le domeniche. Ma ancor maggiormente perché non dobbiamo farci illusioni: la sfida che oggi tutta la distribuzione ha di fronte è un’altra e ben più ardua: confrontarsi con acquisti in calo, ma pure più austeri e quanto mai meditati. E ciò significherà: meno scontrini, battute più basse – quel fenomeno che il grocery chiama trading down – ma anche una crescente resistenza alle lusinghe della leva prezzo e delle promozioni. Ecco che quindi la ricerca di nuovi e più liberi percorsi di relazione e di proposizione commerciale è assolutamente una strada da percorrere, se non la prima strada da imboccare. Come dice nelle pagine dell’inchiesta Roberto Cuccaroni: “Oggi vince chi sa leggere un consumatore quanto mai in cambiamento”. Questa è la strada, e lo dimostrano quei retailer che con coraggio e con ancor maggior visione hanno saputo guardare dentro queste profonde evoluzioni portando a casa anche successi rilevanti. Pensiamo a Zara o a Groupon, ma anche alle gelaterie Grom per rimanere nel campo della più forte tradizione.

Elena Reguzzoni TCE

45 anni…ebbene sì ho iniziato a lavorare al tempo del telex.

Scorpione ascendente Leone, della serie donna con pungiglione e criniera.

Dopo anni (tanti!) in una multinazionale d’elettronica, nel 2003 il salto della barricata - io lo chiamo cambio di vita - e l’entrata in Editoriale Duesse.

Della vita editoriale mi piace che sono immersa nel mercato e la moltitudine degli incontri.

Ammiro la capacità di visione, l’umiltà e la gente che “suda”.

Mi fa arrabbiare la mancanza di rispetto e la superficialità.

Invidio solo un genere di persone: quelle che parlano correttamente due o tre lingue.

Del mercato hi-tech mi piace la velocità e il dinamismo, ma non comprendo la capacità di "triturare" innovazione.

Mi piace premiarmi scappando nel mio rifugio in Val d’Intelvi


Archivio