Editorialisti

15 Ottobre 2013

COGLIERE LE OPPORTUNITÀ

share Silvia Balduzzi - Toy Store

La concorrenza del mercato dell’usato e del riciclo sono oggi tra le principali problematiche con cui si scontra il mercato della Prima Infanzia, industria e operatori del Normal Trade. La crisi, infatti, ha sicuramente accentuato questo fenomeno, come emerge anche dai dati della Camera di Commercio, che ha impattato anche sul comparto dei Baby Product, ma alcuni dettaglianti non si sono lasciati intimorire e sono scesi in campo con reali soluzioni in grado di contrastarlo. Disincentivare il mercato parallelo dell’usato è, quindi, possibile e le chiavi del successo vanno ricercate nella professionalità, nei servizi, nella formazione e nell’assistenza nel post vendita della propria clientela. Ma non solo. Ciò che può fare la differenza in negozio è puntare sulla sicurezza, conoscendo in modo preciso le nuove normative, come ad esempio la recente i-Size per i seggiolini auto, a cui dedichiamo un grande focus su questo numero di Babyworld, e sapendo spiegare alle mamme che l’usato è esteremamente pericoloso, non ha garanzie e assistenza, che spesso non sono disponibili i pezzi di ricambio e che il risparmio, considerato anche questi elementi, non è così reale. Questo è il lavoro del Normal Trade che deve essere, però, tutelato e supportato, come richiesto da molti dettaglianti, da campagne di sensibilizzazione a livello nazionale promosse dall’industria. Ma la riflessione su cui vogliamo concentrarci è l’e-commerce: mai come oggi, infatti, è importante capire come affrontare la concorrenza di questo canale e comprendere, per gli operatori del Normal Trade e le catene, come sfruttarne a propria volta l’elevato potenziale, precorrendo i tempi come ad esempio è il caso del Consorzio Beberoyal e di alcuni indipendenti, come la Bimbineria (su questo numero) e Il Nido di Grazia. In questo contesto ancora in evoluzione per la Prima Infanzia, però, quello che ci riesce difficile digerire è che un editore di una rivista b2b possa scendere in campo con un sito di e-commerce per fare concorrenza diretta al retail. Ma ogni riferimento è puramente casuale…

Silvia Balduzzi - Toy Store

Nata a: Vizzolo Predabissi (Milano) il 22/2/1982
In Editoriale Duesse dal: 22/01/2007
Giocattoli preferiti da bambina: le Micro Machine Cambia Colore, il Das, le bamboline Lady Lovely, Pisolone e i Popples
Quando non scrive su Toy Store ed E&L si occupa di: politica, in particolare pari opportunità, perdere tempo e il mio carlino Lisandro
Le piaccono: il caffè al bar, le torte (cucinate dagli altri), la storia del Novecento, i quotidiani e i libri, il non prendersi troppo sul serio e quelli che vedono le cose in modo diverso.
Libri preferiti: Casa di Bambola di Henrik Ibsen e Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand
Film preferiti: Into The Wild e Pomodori Verdi Fritti alla Fermata del Treno
Canzoni preferite: Rimmel di De Gregori, Eskimo di Francesco Guccini e Soltanto un Gioco de I Nomadi
Non le piacciono: i pregiudizi, la moda (e penso si noti abbastanza facilmente) e gli indifferenti.
Cosa le piace di più del mondo del Giocattolo: amo i racconti e i consigli degli storici del mercato e l’entusiasmo del settore per le novità presentate ogni anno alla fiera di Norimberga.


Archivio