Editorialisti

02 Dicembre 2016

FARE FRONTE COMUNE

share Silvia Balduzzi - Toy Store

Per gli operatori del Normal Trade anche quest’anno è giunto il momento di affrontare la sfida del Natale, il periodo più importante e delicato. Il sentiment è positivo, non soltanto perché la proposta dell’Industria, già nella prima parte dell’anno, è stata capace di cogliere l’interesse dei consumatori, ma anche perché i dati relativi alle vendite sono tutti a segno più. In particolare, secondo le rilevazioni NPD relative al periodo Gennaio-Settembre 2016, il mercato del Giocattolo segna una crescita a valore del 9,9% e a volume del 7%. Ad aumentare è anche il prezzo medio che passa da 10,86 euro a 11,17 euro, segnando un +2,8%. A livello di macro categorie di prodotto, sempre secondo NPD, sono le Costruzioni le best performer (+20%), seguite da Infant, Toddler e Preschool Toys (+18%) e Outdoor e Sport (+8%). Ma non basta. In un contesto ricco di opportunità, ma sempre più sfidante, il raggiungimento di una reale maturazione ed evoluzione del mercato passa necessariamente da un approccio più strutturato, non solo da parte dell’Industria, ma anche del canale distributivo. Come? Secondo Toy Store è proprio questo il momento giusto per affrontare una questione rimasta in sospeso da anni, la creazione di un’associazione di categoria, con la quale la Distribuzione possa fare fronte comune. È a questo tema che dedichiamo la copertina di questo numero, in cui raccogliamo, in tal senso, le istanze degli operatori del Trade. I negozianti ritengono, infatti, che una propria associazione possa portare avanti le battaglie, rafforzare la partnership con i fornitori per capire come coinvolgere maggiormente gli acquirenti, tutelare il canale, promuovere l’aggregazione e la formazione e spendersi per gli interessi specifici della categoria, anche con le istituzioni. Perché non è in gioco solo la difesa della singola battaglia commerciale, ma è necessario che si affermi, secondo Toy Store, un progetto più ampio che sia in grado di migliorare a 360 gradi il modo di lavorare e di collaborare di Industria e Trade. Il tutto per tornare a crescere. In un modo nuovo.

Silvia Balduzzi - Toy Store

Nata a: Vizzolo Predabissi (Milano) il 22/2/1982
In Editoriale Duesse dal: 22/01/2007
Giocattoli preferiti da bambina: le Micro Machine Cambia Colore, il Das, le bamboline Lady Lovely, Pisolone e i Popples
Quando non scrive su Toy Store ed E&L si occupa di: politica, in particolare pari opportunità, perdere tempo e il mio carlino Lisandro
Le piaccono: il caffè al bar, le torte (cucinate dagli altri), la storia del Novecento, i quotidiani e i libri, il non prendersi troppo sul serio e quelli che vedono le cose in modo diverso.
Libri preferiti: Casa di Bambola di Henrik Ibsen e Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand
Film preferiti: Into The Wild e Pomodori Verdi Fritti alla Fermata del Treno
Canzoni preferite: Rimmel di De Gregori, Eskimo di Francesco Guccini e Soltanto un Gioco de I Nomadi
Non le piacciono: i pregiudizi, la moda (e penso si noti abbastanza facilmente) e gli indifferenti.
Cosa le piace di più del mondo del Giocattolo: amo i racconti e i consigli degli storici del mercato e l’entusiasmo del settore per le novità presentate ogni anno alla fiera di Norimberga.


Archivio