Editorialisti

27 Aprile 2016

IL TEMPO DEI PROFESSIONISTI

share Silvia Balduzzi - Toy Store

Dopo anni di assestamento nei quali il mercato ha dovuto affrontare sfide impegnative e rimodulare il proprio ruolo, il 2016 può rappresentare finalmente un anno di svolta ed evoluzione per il mercato del Giocattolo in Italia. Convinto di ciò, con questo numero Toy Store propone spunti pratici e approfondimenti da cui la filiera del Toy possa ripartire per affrontare al meglio la prossima high season. La necessità di una nuova cultura del Giocattolo passa da Toys Milano, l’atteso appuntamento BtoB, al quale Toy Store partecipa anche attraverso l’organizzazione di un convegno sulle opportunità che il settore offre al retail in un’ottica di partnership tra Industria e Trade. Ma non solo. La sfida per i retailer specializzati risiede sicuramente anche nella rivitalizzazione del punto vendita, per la quale, come emerso dal nostro servizio presente questo mese, passa dall’offrire il giusto appealing, dall’essere omnicale, creando una shopping experience che interagisca con i social media, ma soprattutto dall’impegno in quel processo di innovazione continua che parta dalla centralità del cliente e che porti a riformulare le strategie di engagement in modo da coinvolgerlo con un’esperienza di acquisto davvero differenziante. Perché il consumatore, proprio come emerge dall’ampia inchiesta che proponiamo su Toy Store, è oggi sempre più informato, selettivo ed esigente e attento al prezzo, alla sicurezza, alla qualità, alla giocabilità e agli aspetti educativi ed emotivi. Se da una parte, quindi, gli operatori del Normal Trade devono essere ogni giorno più preparati, dall’altra questo non basta più. Il retailer per vincere la sfida con i nuovi consumatori deve saper combinare una solida e autorevole presenza web a un servizio sempre più personalizzato. E questo è possibile con diverse modalità: una di queste, ad esempio, è quella di utilizzare i dati che si trovano nei sistemi gestionali (ultimo acquisto, media acquisto, cliente nuovo), abbinandoli con la compilazione di schede cliente in cui annotare le preferenze, le abitudini e tutte le informazioni utili per preparare offerte sempre più individuali e mirate.

Silvia Balduzzi - Toy Store

Nata a: Vizzolo Predabissi (Milano) il 22/2/1982
In Editoriale Duesse dal: 22/01/2007
Giocattoli preferiti da bambina: le Micro Machine Cambia Colore, il Das, le bamboline Lady Lovely, Pisolone e i Popples
Quando non scrive su Toy Store ed E&L si occupa di: politica, in particolare pari opportunità, perdere tempo e il mio carlino Lisandro
Le piaccono: il caffè al bar, le torte (cucinate dagli altri), la storia del Novecento, i quotidiani e i libri, il non prendersi troppo sul serio e quelli che vedono le cose in modo diverso.
Libri preferiti: Casa di Bambola di Henrik Ibsen e Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand
Film preferiti: Into The Wild e Pomodori Verdi Fritti alla Fermata del Treno
Canzoni preferite: Rimmel di De Gregori, Eskimo di Francesco Guccini e Soltanto un Gioco de I Nomadi
Non le piacciono: i pregiudizi, la moda (e penso si noti abbastanza facilmente) e gli indifferenti.
Cosa le piace di più del mondo del Giocattolo: amo i racconti e i consigli degli storici del mercato e l’entusiasmo del settore per le novità presentate ogni anno alla fiera di Norimberga.


Archivio