Editorialisti

13 Maggio 2013

UNA QUESTIONE DI RISPETTO E MORALITÀ

share Silvia Balduzzi - Toy Store

In questo numero Toy Store offre una panoramica sulle perplessità e le obiezioni sollevate dai fornitori riguardo il recepimento, anche per l’Italia, della normativa che indica le nuove regole sui ritardi dei pagamenti approvate dall’Unione Europea. Su questa tematica, in particolare, gli operatori dell’Industria sottolineano quanto anche nel Giocattolo sia diventato preoccupante ed imponente oggi il peso del ritardi nei pagamenti all’interno della propria gestione creditizia, situazione che è andata incrementandosi e peggiorando, a partire dai primi mesi del 2013. Una criticità che si fa, quindi, sempre più seria e che non rispecchia solamente un disagio economico, ma anche un problema di correttezza, rispetto e serietà: non è giusto, infatti, che quei negozianti onesti e puntuali sui pagamenti siano penalizzati dalle cattive abitudini di altri operatori che non provvedono a rispettare le regole. Ed è proprio per questo motivo che Toy Store manterrà alta l’attenzione creando un osservatorio costante su questa tematica, partendo dal presupposto che fiducia e collaborazione reciproche siano fondamentali sia per i fornitori che non possono fare a meno dei propri clienti, sia per questi ultimi che hanno bisogno del supporto dell’Industria. E proprio la collaborazione è al centro della seconda importante tematica affrontata su questo numero. Invitiamo, infatti, gli operatori del Traditional Toys, attraverso un approfondimento su come sia possibile rinnovare e modernizzare il punto vendita che proponiamo su questo numero, che riteniamo particolarmente attuale oggi, a riflettere su come sfruttare al meglio, anche grazie al supporto delle aziende, le possibilità offerte per mettersi al passo con le esigenze dei nuovi consumatori e rendere sempre più attuale il proprio punto vendita.

Silvia Balduzzi - Toy Store

Nata a: Vizzolo Predabissi (Milano) il 22/2/1982
In Editoriale Duesse dal: 22/01/2007
Giocattoli preferiti da bambina: le Micro Machine Cambia Colore, il Das, le bamboline Lady Lovely, Pisolone e i Popples
Quando non scrive su Toy Store ed E&L si occupa di: politica, in particolare pari opportunità, perdere tempo e il mio carlino Lisandro
Le piaccono: il caffè al bar, le torte (cucinate dagli altri), la storia del Novecento, i quotidiani e i libri, il non prendersi troppo sul serio e quelli che vedono le cose in modo diverso.
Libri preferiti: Casa di Bambola di Henrik Ibsen e Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand
Film preferiti: Into The Wild e Pomodori Verdi Fritti alla Fermata del Treno
Canzoni preferite: Rimmel di De Gregori, Eskimo di Francesco Guccini e Soltanto un Gioco de I Nomadi
Non le piacciono: i pregiudizi, la moda (e penso si noti abbastanza facilmente) e gli indifferenti.
Cosa le piace di più del mondo del Giocattolo: amo i racconti e i consigli degli storici del mercato e l’entusiasmo del settore per le novità presentate ogni anno alla fiera di Norimberga.


Archivio