Editorialisti

29 Giugno 2011

Nuovi equilibri per il Giocattolo

share Silvia Balduzzi - Toy Store

Che il Giocattolo sia uscito affaticato dai primi sei-sette mesi dell’anno è chiaro a tutti i protagonisti del mercato. Il 2011, infatti, si è dimostrato un anno anomalo, come già era stato il Natale 2010, senza veri e propri fenomeni a trainare le vendite e a creare traffico in negozio, ma non solo.
La particolarità di quest’anno risiede anche nella difficoltà e nelle incertezze che si sono create, soprattutto in questi primi mesi, sulle modalità di promozione dei giocattoli: molte campagne di comunicazione televisiva, infatti, non si sono dimostrate efficaci, come succedeva, invece, in passato.
Ma la vera novità che sta avvenendo e si sta ripercuotendo sugli storici equilibri del mercato riguarda il peso dell’azienda leader, Giochi Preziosi, che sembra stia perdendo quote di mercato in questi primi mesi dell’anno. Si tratta sicuramente di un fattore di cambiamento, che potrebbe permettere ad altri player del Giocattolo di accrescere la propria influenza sul nostro mercato, cosa che ci consentirà di allinearci ai principali Paesi europei, dove non esiste un’azienda locale con una quota di mercato così elevata.
Nel frattempo, tutti gli operatori del settore si stanno preparando con fiducia ad affrontare l’high season, il secondo semestre e il Natale, in cui si attendono i primi segnali di ripresa. L’industria ha riservato quest’anno al canale tradizionale un numero maggiore di esclusive di prodotto. In incremento anche promozioni e politiche che permetteranno di tutelare gli specializzati nel periodo natalizio. Ora al mercato non resta che affidarsi alle scommesse del Normal Trade…

Silvia Balduzzi - Toy Store

Nata a: Vizzolo Predabissi (Milano) il 22/2/1982
In Editoriale Duesse dal: 22/01/2007
Giocattoli preferiti da bambina: le Micro Machine Cambia Colore, il Das, le bamboline Lady Lovely, Pisolone e i Popples
Quando non scrive su Toy Store ed E&L si occupa di: politica, in particolare pari opportunità, perdere tempo e il mio carlino Lisandro
Le piaccono: il caffè al bar, le torte (cucinate dagli altri), la storia del Novecento, i quotidiani e i libri, il non prendersi troppo sul serio e quelli che vedono le cose in modo diverso.
Libri preferiti: Casa di Bambola di Henrik Ibsen e Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand
Film preferiti: Into The Wild e Pomodori Verdi Fritti alla Fermata del Treno
Canzoni preferite: Rimmel di De Gregori, Eskimo di Francesco Guccini e Soltanto un Gioco de I Nomadi
Non le piacciono: i pregiudizi, la moda (e penso si noti abbastanza facilmente) e gli indifferenti.
Cosa le piace di più del mondo del Giocattolo: amo i racconti e i consigli degli storici del mercato e l’entusiasmo del settore per le novità presentate ogni anno alla fiera di Norimberga.


Archivio