Editorialisti

26 Agosto 2015

VIETATO DE-SPECIALIZZARSI

share Silvia Balduzzi - Toy Store

Nonostante il costante aumento del peso dell’e-commerce e della grande distribuzione il Normal Trade rimane il canale che più di ogni altro mostra di avere i requisiti per difendere il valore del Giocattolo, a patto però che non tradisca la sua natura di specializzato. Ovvero di colui che, forte della propria competenza, del giusto assortimento e di un ottimo servizio, è capace di soddisfare le esigenze di ogni consumatore, anche del più esigente, e nel contempo di far passare il concetto che il giocattolo è il cibo per la mente degli adulti di domani. È questa la considerazione che stiamo registrando sempre più di frequente negli ultimi tempi, quella che è emersa anche dalle nostre chiacchierate con l’Industria e che si legge tra le righe della copertina, che abbiamo dedicato alle esclusive di prodotto riservate al canale tradizionale in vista del Natale. Nelle prossime settimane, infatti, il comparto si gioca l’intero anno e l’Industria, alle prese con un mercato in bilico tra stagnazione e crescita dei consumi, restringimento del target di riferimento e continui mutamenti nei modelli di consumo, sembra puntare molto sulle capacità degli specializzati di valorizzare il suo prodotto. Certo, questo non vuol dire scordarsi di quanto succede in Rete oppure nelle grandi superfici – sarebbe un errore imperdonabile pensare di fare a meno di metà del mercato – quanto piuttosto riconoscere il valore della specializzazione, capace di spostare l’attenzione dal prezzo al prodotto. Se venisse meno, infatti, a perdere sarebbe l’intero universo Giocattolo.

Silvia Balduzzi - Toy Store

Nata a: Vizzolo Predabissi (Milano) il 22/2/1982
In Editoriale Duesse dal: 22/01/2007
Giocattoli preferiti da bambina: le Micro Machine Cambia Colore, il Das, le bamboline Lady Lovely, Pisolone e i Popples
Quando non scrive su Toy Store ed E&L si occupa di: politica, in particolare pari opportunità, perdere tempo e il mio carlino Lisandro
Le piaccono: il caffè al bar, le torte (cucinate dagli altri), la storia del Novecento, i quotidiani e i libri, il non prendersi troppo sul serio e quelli che vedono le cose in modo diverso.
Libri preferiti: Casa di Bambola di Henrik Ibsen e Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand
Film preferiti: Into The Wild e Pomodori Verdi Fritti alla Fermata del Treno
Canzoni preferite: Rimmel di De Gregori, Eskimo di Francesco Guccini e Soltanto un Gioco de I Nomadi
Non le piacciono: i pregiudizi, la moda (e penso si noti abbastanza facilmente) e gli indifferenti.
Cosa le piace di più del mondo del Giocattolo: amo i racconti e i consigli degli storici del mercato e l’entusiasmo del settore per le novità presentate ogni anno alla fiera di Norimberga.


Archivio