Editorialisti

05 Settembre 2013

ATTENZIONE AI NUOVI SCENARI!

share Silvia Balduzzi - Toy Store

Il mercato del Giocattolo in Italia sta cambiando. A dircelo non è solamente Stefano Parlato, Direttore Vendite e Consigliere Delegato di Mattel Italia nell’intervista di copertina di questo numero, che sottolinea come il mercato si stia evolvendo in chiave europea, stia mirando ad una consapevolezza qualitativa molto diversa da quella di soltanto cinque anni fa e si stia dirigendo verso nuovi equilibri industriali e distributivi. A parlare è soprattutto il nuovo assetto del Giocattolo con un cambiamento epocale nella suddivisione delle quote di mercato: oggi, infatti, quello che da sempre era il leader incontrastato, ha lasciato il posto a Mattel alla guida della classifica ed è incalzato, a pochissima distanza, anche da Lego. Ma c’è anche l’arrivo di nuovi player esteri, sia a livello di fornitori sia a livello di distribuzione, dopo l’avvento di Spin Master, che mostrano interesse per il nostro mercato e credono ci siano importanti opportunità di crescita e di business ancora da cogliere. È il caso, per quando riguarda l’Industria, della multinazionale Playmobil che ha inaugurato la nuova filiale Italia a Vimercate (Monza-Brianza), si presenta con ambiziosi progetti e politiche di marketing&comunicazione strategiche e punta ad arrivare, nei prossimi tre-cinque anni, tra le aziende top del Paese. Mentre, a livello distributivo, è sbarcata in Italia Maxi Toys, la catena appartenente alla multinazionale Blokker Holding, che conta di aprire dieci punti vendita entro la fine del 2013, con un format impattante di 1.200 metri quadrati a Buccinasco (Milano). E ad aprire, infine, sono anche gli indipendenti, come ad esempio Il Giocattolaio Matto a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) e L’Albero di Pulcinella a Neive (Cuneo). I segnali positivi, quindi, anche in un momento di leggera flessione del Toys, non mancano e i cambiamenti rivelano nuove possibilità, tra cui l’evidente evoluzione quest’anno dell’approccio dei consumatori al Giocattolo. Opportunità che premieranno, quindi, solamente chi saprà investire nella propria attività, assimilare il cambiamento con intelligenza e cultura manageriale e creare valore per le proprie imprese.

Silvia Balduzzi - Toy Store

Nata a: Vizzolo Predabissi (Milano) il 22/2/1982
In Editoriale Duesse dal: 22/01/2007
Giocattoli preferiti da bambina: le Micro Machine Cambia Colore, il Das, le bamboline Lady Lovely, Pisolone e i Popples
Quando non scrive su Toy Store ed E&L si occupa di: politica, in particolare pari opportunità, perdere tempo e il mio carlino Lisandro
Le piaccono: il caffè al bar, le torte (cucinate dagli altri), la storia del Novecento, i quotidiani e i libri, il non prendersi troppo sul serio e quelli che vedono le cose in modo diverso.
Libri preferiti: Casa di Bambola di Henrik Ibsen e Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand
Film preferiti: Into The Wild e Pomodori Verdi Fritti alla Fermata del Treno
Canzoni preferite: Rimmel di De Gregori, Eskimo di Francesco Guccini e Soltanto un Gioco de I Nomadi
Non le piacciono: i pregiudizi, la moda (e penso si noti abbastanza facilmente) e gli indifferenti.
Cosa le piace di più del mondo del Giocattolo: amo i racconti e i consigli degli storici del mercato e l’entusiasmo del settore per le novità presentate ogni anno alla fiera di Norimberga.


Archivio