11 Ottobre 2017  10:23

Ecommerce in Italia a 23,6 mld di euro

Gianfranco Caccamo
Ecommerce in Italia a 23,6 mld di euro

Le vendite dei prodotti supereranno per la prima volta quella dei servizi con un valore di 12,2 mld di euro

Nel 2017 l’ecommerce in Italia raggiungerà il 17% rispetto all’anno precedente arrivando a valere 23,6 miliardi di euro, di cui il 52% generato dalle vendite di prodotti, per un valore di 12,2 miliardi di euro, che per la prima volta supererà quelle legate ai servizi (+7%, 11,4 miliardi). Queste sono le stime sul mercato del commercio elettronico presentato dall’Osservatorio eCommerce B2c promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm al convegno intitolato “eCommerce B2c in Italia: servono visione, coraggio e perseveranza!”. «Per la prima volta nella storia dell’eCommerce B2c in Italia». afferma Riccardo Mangiaracina, Responsabile scientifico dell'Osservatorio eCommerce B2c Netcomm Politecnico di Milano, che sottolinea «Il paniere degli acquisti online si sta quindi lentamente avvicinando a quello rilevato nei principali mercati più evoluti (dove i prodotti incidono per il 70% circa)”. In particolare il risultato raggiunto dalle vendite di prodotti è dovuto soprattutto alla crescita di Informatica ed Elettronica (4 miliardi di euro, +28%), Abbigliamento (2,5 miliardi di euro, +28%), Arredamento e home living (905 milioni di euro, +31%) e Food & Grocery (849 milioni di euro, +43%) ed Editoria (843 milioni di euro, +22%). Ma si distinguono anche quelli di giocattoli, con 331 milioni di euro (+24%) e beauty (328 milioni di euro, +22%). Il turismo però continua ad essere il primo settore con i suoi 9,2 miliardi di euro e una crescita del +7%. Nei servizi, che valgono complessivamente 11,4 miliardi di euro, il Turismo e trasporti si conferma il primo comparto dell’eCommerce italiano con 9,2 miliardi. Gli acquisti online nelle Assicurazioni raggiungono quota 1,3 miliardi di euro (+6%) e rimangono focalizzati sulle RC Auto.

«Il tasso di penetrazione totale degli acquisti online sul totale retail, passa dal 4,9% del 2016 al 5,7% del 2017 con i Prodotti al 4% e i Servizi al 9%, e i tassi più alti sono stati raggiunti da Informatica ed Elettronica di consumo (20%) e Turismo (30%)» afferma Valentina Pontiggia, Direttore dell’Osservatorio eCommerce B2c «Il ritardo dell’Italia rispetto ai principali mercati eCommerce permane ed è riconducibile alla ridotta penetrazione nei comparti di prodotto e specialmente nel Food&Grocery (0,5%). Nonostante il fermento imprenditoriale degli ultimi anni, il settore non è in grado di garantire una copertura territoriale diffusa e omogenea sul territorio italiano: solo il 15% della popolazione infatti può effettuare online la spesa “da supermercato” con livello di servizio idoneo, mentre un altro 55% della popolazione ha un accesso solo potenziale all’eCommerce, tramite iniziative sperimentali, isolate e con limitata capacità».

Nel 2017 i web shopper italiani – ossia i consumatori che hanno effettuato almeno un acquisto online nell’anno – sono 22 milioni e crescono del 10% rispetto al 2016. Tra questi, gli acquirenti abituali – ossia i consumatori che effettuano almeno un acquisto al mese – sono 16,2 milioni e generano il 93% della domanda totale eCommerce (a valore), spendendo online in un anno, mediamente, 1.357 euro ciascuno. Gli acquirenti sporadici sono invece 5,8 milioni, generano il restante 7% della domanda eCommerce e spendono mediamente 284 euro all’anno.

Tra i device più utilizzati per fare dai web shopper crescono in tutti i settori i mobile device, nel 2017 un terzo degli acquisti eCommerce, a valore, è concluso attraverso smartphone o tablet. L’incidenza di questi device è quintuplicata nel giro di 5 anni: nel 2013 la somma di tablet e smartphone valeva infatti solo il 6%. Ancora più significativa la crescita dello smartphone: il suo contributo è passato infatti dal 4% nel 2013 al 25% nel 2017. In valore assoluto, gli acquisti eCommerce da smartphone superano, nel 2017, i 5,8 miliardi di euro, con una crescita del +65% rispetto al 2016. L’importanza di questo canale per il consumatore è visibile in tutti i principali comparti merceologici: il tasso di penetrazione dello smartphone sul totale eCommerce sfiora o supera il 30% nella maggior parte dei settori di prodotto (Editoria, Abbigliamento, Informatica ed elettronica, Food&Grocery) ed è pari al 15% nel Turismo e al 5% nelle Assicurazioni.

«Sono dati certamente incoraggianti anche se ancora non sufficienti a dichiarare maturo e dinamico il settore nel nostro Paese, dove i modelli di business stanno cambiando rapidamente e facilitando nuovi entranti» evidenzia Roberto Liscia, Presidente Netcomm. «L’approccio spesso sperimentale e poco convinto all’e-commerce di molti operatori tradizionali italiani, è la conseguenza del fatto che essi non abbiano dedicato né il giusto impegno né le loro migliori risorse a un progetto strategico che, invece, sta diventando il vero motore delle economie avanzate e attirando sempre più investimenti e capitale. Per parlare di un e-commerce davvero competitivo e maturo in Italia, occorre che i retailer tradizionali abbiano visione, coraggio e perseveranza, andando fino in fondo nei loro progetti digitali”, conclude Liscia.

EDITORIALISTI

  • 28 Settembre 2017
    Il valore dell’eccellenza
      Lo avevamo anticipato nell’editoriale di qualche mese fa che ci sarebbe stata un’estate calda per il comparto dell’arredobagno.
Arianna Sorbara Ab - Abitare il bagno

Contenuto Sponsorizzato

ACCADDE OGGI

  • 24 Ottobre 2013
    Made In: arriva il primo sì europeo
    Prima importante vittoria per i sostenitori del Made In, che vedono l’Italia in prima linea. Con 27 voti a favore, 7 contrari e 5 astenuti la...