31 Ottobre 2019  14:38

UNIRE FISICO E DIGITALE, LA SFIDA DEL NEGOZIO

Elena Rembado
UNIRE FISICO E DIGITALE, LA SFIDA DEL NEGOZIO

Andrea Di Fonzo, Ceo di Zenith

Zenith lancia uno studio sulle nuove dinamiche del mondo retail

La chiusura dei negozi non è la fine della vendita al dettaglio; è la fine della vendita al dettaglio come la conoscevamo. Da questo assunto è partito Retail 2020, lo studio sviluppato da Zenith in collaborazione con alcune realtà di Publicis Groupe, tra le quali Publicis Sapient e il suo vertical specializzato sul Retail. «Se pensiamo al commercio oggi non possiamo che pensare ai dati e al loro uso. I retailer conoscono molto bene il potere dei dati, collezionati in decenni e forse più, dati che costituiscono un patrimonio ampio e prezioso», dichiara Andrea Di Fonzo, Ceo di Zenith. «Il futuro per il mondo retail è sicuramente complesso; una complessità che può essere vista come un’enorme opportunità e una rinascita». Le mutevoli tendenze dei consumatori offrono le stesse opportunità a tutti i negozianti. «I retailer devono accelerare e abbracciare i vantaggi portati dai dati che hanno a disposizione dai propri clienti, prima che questi siano utilizzati da altri», commenta Jon Reily, VP, Global Commerce Strategy Lead di Publicis Sapient. Per i retailer che sentono la pressione dei marketplace e dei competitor, l’arma vincente sarà quella di unire il meglio dei due mondi, fisico e digitale. Una delle cose che piace maggiormente ai consumatori dello shopping online è la possibilità di leggere recensioni, rating, vedere commenti e confrontare prezzi. Per anni i retailer hanno sofferto, considerando questa “carenza intrinseca” dei punti vendita come un limite invalicabile, un difetto non sanabile. Ma la cosa interessante è che i consumatori sono stati più rapidi e hanno unito i due mondi da soli, utilizzando all’interno dello store fisico il proprio device mobile come strumento per comparare prezzi, vedere in tempo reale recensioni, commenti e cercare dettagli e caratteristiche dei prodotti. Così come il consumatore diventa sempre più abituato e smaliziato alle funzionalità digitali, i retailer devono costruire esperienze digitali all’interno degli store. Tutti i retailer possono prendere in considerazione nuove modalità di interazione attraverso servizi personalizzati capaci di differenziare l’esperienza in-store da quella online. Conclude Andrea Di Fonzo: «Ci sono 5 priorità che un retailer dovrebbe perseguire: cura maniacale della customer experience con fluidità omnichannel, studio di dettaglio del proprio consumatore, costruire experience connesse, investire in programmi di innovazione e digital transformation delle competenze internet».

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 28 Aprile 2020
    Il design che non si arrende
    Mentre chiudiamo questo numero, il decreto in vigore impone il lockdown fino al prossimo 3 maggio.
Arianna Sorbara Ab - Abitare il bagno

ACCADDE OGGI

  • 31 Maggio 2013
    Incendio in Azzurra Ceramica
    Nel pomeriggio del 30 maggio Azzurra Ceramica ha subito un incendio del proprio magazzino. L’azienda di Civita Castellana ha appena diffuso un...

Ricevi la Newsletter!

Bagno

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy