20 Marzo 2017  14:31

Il P.V. sempre centrale nel ciclo d’acquisto

Aldo Cattaneo
Il P.V. sempre centrale nel ciclo d’acquisto

A confermarlo è un nuovo studio europeo condotto da Epson che sottolinea anche l’importanza dell’ultra-personalizzazione e che il negozio dovrà subire una profonda trasformazione

Epson ha condotto un nuovo studio europeo, che ha coinvolto 17 esperti di settore provenienti da tutto il mondo e oltre 7.000 dipendenti full-time europei, di cui 1.100 impiegati nel retail & hospitality, in Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna, che ha voluto indagare sugli atteggiamenti sull’ambiente di lavoro del futuro e su come cambieranno ruoli e funzioni nel settore nei prossimi anni. Il 72% degli europei (il 77% degli italiani) attualmente impiegati nel settore retail & hospitality intervistati ritiene che le vendite diventeranno sempre più personalizzate e che il personale contribuirà a migliorare l’esperienza di acquisto, confermando il ruolo dei negozi fisici nel ciclo d’acquisto.

Se da un lato circa la metà degli intervistati (49% europei; il 52% degli italiani) è dell’idea che i big data avranno un impatto positivo sull’intero settore, il 42% degli europei (il 36% degli italiani) teme che i clienti non rinunceranno alla protezione dei loro dati a favore di un’esperienza di acquisto più personalizzata (percentuale che raggiunge il 64% tra gli over 50 e si attesta invece sul 50% per i Millennial).

Ciò solleva importanti questioni circa la relazione tra rivenditori e clienti. Questo aspetto è molto importante e deve essere valutato attentamente affinché i punti vendita possano sfruttare appieno le opportunità offerte dalla tecnologia. Dallo studio è emerso che il 73% (e ben il 79% degli italiani) dei dipendenti nel settore in oggetto ritiene che mediante l’uso dei dispositivi personali sarà possibile intensificare la relazione tra clienti e rivenditori. I negozi fisici continueranno ad avere un ruolo prioritario, tant’è che meno di un terzo degli intervistati ritiene plausibile un futuro senza di essi: secondo le stime, in media il 56% (il 57% italiani) delle decisioni di acquisto continuerà, almeno per i prossimi anni, ad essere presa in negozio.

Tuttavia, i negozi fisici così come li intendiamo oggi subiranno probabilmente profondi cambiamenti. Verranno introdotte nuove iniziative, ad esempio il riconoscimento automatico dei clienti, per fornire un’esperienza di acquisto ultra-personalizzata, come previsto dal 72% degli intervistati (e ben il 77% degli italiani). Secondo il 46% (il 50% degli italiani), inoltre, i negozi non terranno più merci a magazzino e sfrutteranno la realtà aumentata per fornire ai clienti suggerimenti e servizi personalizzati (63% vs il 66% degli italiani), creando on-demand prodotti su misura all’interno del punto vendita. Tale prospettiva positiva sarà, però, realizzabile solo dopo aver superato una serie di ostacoli, tra cui i costi associati all’implementazione delle nuove tecnologie (considerati una problematica dal 63% degli intervistati, il 62% degli italiani) e la formazione dei dipendenti (necessaria secondo il 40%; il 32% degli italiani).

Contenuti correlati : retail & hospitality punto vendita negozio fisico intervista clienti esperienza d'acquisto

Comments

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 02 Ottobre 2017
    IL TORO VA PRESO PER LE CORNA
    Sarebbe bello che i retailer eldom non leggessero le attuali dinamiche distributive sempre e solo in termini di competizione di canale.
Elena Reguzzoni Trade Bianco

ACCADDE OGGI

  • 21 Ottobre 2014
    Doppia consumer offer per Gaggia
    Gli ultimi mesi dell’anno vedono Gaggia impegnata in diverse iniziative per il consumatore finale per valorizzare la propria offerta.