14 Maggio 2018  14:19

Alice Rohrwacher, Lazzaro felice è una fiaba che prende spunto dalla realtà

Stefano Radice
Alice Rohrwacher, Lazzaro felice è una fiaba che prende spunto dalla realtà

Il film è in concorso al Festival di Cannes

 

Conferenza stampa a Cannes per il cast di Lazzaro felice, il film di Alice Rohrwacher presentato ieri in gara sulla Croisette. Una produzione Tempesta insieme a Pola Pandora (Germania), Ad Vitam (Francia), Amka Films Production (Svizzera), Arté France Cinema (Francia) e con Rai Cinema (il film ha avuto anche il contributo del Mibact e della Regione Lazio. Tante le domande alla regista, che ha specificato: “E’ nata prima l’idea di rapresentare la fine della mezzadria e il passaggio da un medioevo sociale a un altro post apocalittico e cittadino. Ma la figura di Lazzaro, alla fine, ha preso sempre più importanza nella storia. Volevo raccontare un modo di essere, uno stare al mondo; la possibilità della bontà che ciclicamente muore e poi ritorna. In questo senso lo sguardo di Lazzaro è indenne al tempo; ci passa attraverso e continua a tornare e a interrogarci come possibilità di scelta. Rimane, comunque, una storia classica; quella dell’Araba Fenice che muore e risorge. Abbiamo rappresentato un mondo che si trasforma e cambia ma rimane identico a sé stesso, con la tendenza di alcuni a sfruttare altri; è una tragedia ma raccontata in modo leggero”. Continua la regista: “Chiediamo allo spettatore di tornare innocente nel vedere questo film anche se sappiamo che non è facile. Si tratta di una fiaba che prende spunto dalla realtà. Come nelle favole esiste una netta distinzione tra buoni e cattivi, anche se per Lazzaro non esistono né buoni né cattivi. Come nelle favole c’è il lupo che rappresenta per Lazzaro la possibilità di tornare e di farsi conoscere; il lupo è anche "l’altro" di cui abbiamo sempre paura. E’ certamente un film spirituale in senso ampio che cerca di riunire la fiaba e la realtà. La felicità di Lazzaro è quella di vedere gli altri felici anche se a lui capitano molte disavventure". Ha concluso Alice Rohrwacher: "Ermanno Olmi e i fratelli Taviani sono sicuramente i riferimenti che vengono in mente guardando Lazzaro felice; sono riferimenti molto profondi per me e che a volte scopro emergere mentre giro i film”. Dal punto di vista produttivo ha spiegato Carlo Cresto-Dina di Tempesta Film: “Questo film è cresciuto poco a poco organicamente nella scrittura e nella realizzazione. E’ stato complicato, come lo è per tutti i film, finanziare questo progetto. Fortunatamente fin dall’inizio abbiamo avuto la fiducia di coproduttori e importanti italiani ed europei che ci hanno ulteriormente motivato nell’andare fino in fondo”. Ha concluso Paolo Del Brocco, amministratore delegato di Rai Cinema: “Lazzaro felice è soprattutto un film internazionale. Per noi è stato facile scegliere di coprodurlo; fin dall’inizio abbiamo seguito i passi e il talento di Alice Rohrwacher”.Il film sarà nelle sale da fine maggio per 01 Distribution.

Contenuti correlati : alice rohrwacher cresto-dina tempesta del brocco rai cinema cannes

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 18 Ottobre 2018
    Fate presto
    Ci siamo appena lasciati alle spalle il caso di Sulla mia pelle di Alessio Cremonini con tutte le conseguenze che ha...
Stefano Radice

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy