25 Gennaio 2020  07:43

Box office 24 gennaio, 1917 tiene il comando

Stefano Radice
Box office 24 gennaio, 1917 tiene il comando

(Photo Credit: François Duhamel/© 2019 Universal Pictures and Storyteller Distribution Co., LLC. All Rights Reserved.)

In seconda posizione Me contro Te supera i 7 milioni di euro

Nessun cambiamento, al box office, nelle prime posizioni in classifica. Al comando troviamo ancora 1917; il toccante war movie di Sam Mendes, nei cinema per 01 Distribution, si è imposto con 333mila euro (+45% rispetto a giovedì ), per 564mila euro in due giorni (492 sale, 679 euro di media).

Alle sue spalle troviamo il family Me contro Te il film (Warner) che incassa 242mila euro (+43%, -79% rispetto a una settimana fa) e supera il totale di 7 milioni (502/482). Un ottimo risultato e si attende con curiosità questo secondo weekend per capire la tenuta del fenomeno dei due youtuber Lui e Sofi.

Terza piazza per Figli (Vision Distribution); la commedia con Paola Cortellesi e Valerio Mastandrea chiude la giornata con 174mila euro (+49%) per 232mila euro in due giorni (413/424). Una partenza un po’ frenata ma tra oggi e domani il film dovrebbe crescere sensibilmente nella performance.

Quarta posizione per Greta Gerwig con Piccole donne (Warner) che incassa 145mila euro (+77%, -39%), per un totale - davvero rimarchevole - di 4,2 milioni di euro. Alle sue spalle conferma anche per JoJo Rabbit (Disney) con 132mila euro (+75%, +21% dimostrazione di un passaparola molto positivo), per 1,3 milioni complessivi. In sesta posizione, grazie ai 118mila euro incassati (+62%, -62%) Tolo Tolo (Medusa) è a un passo dai 45 milioni di euro (359/330).

Contenuti correlati : incassi Cinetel box office
Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 11 Marzo 2020
    Lezione coreana a Hollywood
    La vittoria di Parasite di Bong Joon-ho agli Oscar è stata davvero dirompente. Non ci sono altri aggettivi, tanto è...
Stefano Radice

ACCADDE OGGI

  • 08 Aprile 2011
    Valsecchi, i David tradiscono il pubblico
    «Questo premio è una buffonata perché tradisce quello che vuole il pubblico». È il commento del produttore Pietro Valsecchi, riportato da alcuni

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy