22 Gennaio 2010  12:19

La “fascia protetta” viene estesa anche alle pay tv

TVer
La “fascia protetta” viene estesa anche alle pay tv

È una delle norme contenute nel decreto legislativo sull’esercizio delle attività legisative promosso dal viceministro delle Comunicazioni Paolo Romani e attualmente al vaglio del Parlamento

Stop ai film vietati ai minori di 18 anni e ai programmi per soli adulti tra le 7 e le 23 su tutte le piattaforme. Dopo l’articolo 12 (sull’affollamento pubblicitario), ora è l’articolo 9 (sulla tutela dei minori) del decreto Romani, che non è ancora legge ma è al vaglio del Parlamento, a infliggere un nuovo colpo a Sky. La norma infatti, già in vigore per le tv generaliste, estende la “fascia protetta” anche alle tv a pagamento, su satellite e non. Dalla piattaforma di Rupert Murdoch, che può contare su introiti da 45mln all’anno legati all’offerta porno, non arriva per ora nessun commento, ma si sottolinea che si è sempre prestata la massima attenzione alla tutela dei minori con il sistema di accesso condizionato “parental control” offerto agli abbonati. A essere penalizzata è anche Conto Tv, l’emittente di Marco Crispino che fa del porno uno dei suoi plus. Nel divieto espresso dal decreto rientrano anche tutti i film e i programmi vietati ai minori di 14 anni, sia sulle generaliste che sulle pay tv. Non è ancora chiaro se, in questo caso, il “parental control” sarà considerato un filtro efficace, che consentirà di aggirare la norma.

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 24 Marzo 2021
    BASTA FALSE PARTENZE
    Nel momento di andare in stampa, la situazione è ancora incerta e la preannunciata riapertura dei cinema è un lontano miraggio.
Paolo Sinopoli

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy