02 Dicembre 2019  19:32

Via a Sorrento, il saluto dei presidenti

Redazione
Via a Sorrento, il saluto dei presidenti

Sul palco Mario Lorini, Luigi Lonigro, Carlo Bernaschi e Francesco Rutelli

Dopo una breve introduzione di Giorgio Ferrero e Simone Gialdini, ad aprire le Giornate professionali di Sorrento sono stati i quattro presidenti delle associazioni cinematografiche: Mario Lorini, Luigi Lonigro, Carlo Bernaschi e Francesco Rutelli. Per Mario Lorini (presidente Anec), « il 2019 è stato l’anno della svolta. Lo dimostrano innanzitutto i numeri, a partire dal +14% di incassi e dal +13% di presenze sul 2018. Siamo orgogliosi di aver avviato un movimento di grande cambiamento che siamo certi continuerà nei prossimi anni». Gli fa eco Luigi Lonigro (presidente sezione distributori Anica): «Per la prima volta la nostra industria ha unito le forze e i risultati sono arrivati con un box office in aumento del 14% sull’anno scorso e del 40% sull’estate passata. Il mercato è vivo, ha bisogno di prodotto (scaglionato nel tempo) e di costanza. Quest’anno abbiamo invertito un trend negativo ed è solo il primo passo del progetto triennale di Moviement. Inoltre, se quest’anno la quota di cinema italiano si è attestata sul 16% (una delle più basse degli ultimi anni), l’anno prossimo potremo contare sui film dei più grandi autori italiani. Se poi il mese di dicembre otterrà i risultati previsti, forse quest’anno supereremo i 100 milioni di biglietti staccati». Lonigro ha, inoltre, ringraziato il grande lavoro di Simone Gialdini e Giorgio Ferrero nell’innovare, anche a livello tecnologico, le giornate di cinema di Sorrento: «Ci stiamo allineando agli eventi europei mondiali più importanti».
Carlo Bernaschi (presidente onorario di Anec) ha evidenziato l’importanza della costituzione di una nuova Anec: «Dopo 20 anni siamo tornati a essere una associazione unita. Il percorso non è stato facile ma con buona volontà siamo riusciti a creare una nuova Anec con un unico presidente. Importante anche il ruolo di Simone Gialdini, nominato direttore generale di Anec, che è una novità assoluta per l’associazione. È fondamentale che lo Stato riconosca il patrimonio che il cinema rappresenta per il nostro Paese e che intervenga per sostenere la nostra industria». A concludere i saluti è stato Francesco Rutelli (presidente Anica): «Stiamo attraversando un momento cruciale per il mercato, con enormi trasformazioni a livello mondiale. È sempre più importante che la filiera resti unita per i prossimi tre anni, mettendo sempre la sala al centro».

EDITORIALISTI

Stefano Radice

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy