10 Giugno 2019  15:40

Google: il bando a Huawei è controproducente

Aldo Cattaneo
Google: il bando a Huawei è controproducente

Il colosso di Mountain View starebbe cercando di convincere il governo USA che penalizzare il brand cinese causerebbe veramente gravi problemi di sicurezza

Secondo quanto riportato dal Financial Times Google si sarebbe schierata al fianco di Huawei contro il bando applicato dagli Stati Uniti al produttore cinese per “motivi di sicurezza”. Il colosso di Mountain View (che aveva immediatamente tolto la licenza Android ai telefoni Huawei) starebbe cercando di convincere il governo USA che l’esclusione di Huawei da Android, in realtà, porterebbe dei risultati opposti per quanto riguarda proprio la sicurezza. Questo perché senza la licenza commerciale per Android, Huawei sarà obbligata a utilizzare il sistema operativo privo dei servizi Google e di tutti i relativi controlli di sicurezza oppure usare un software alternativo. E, in effetti, il gigante cinese sta già mettendo a punto una propria soluzione: ora che deve bruciare le tappe, il rischio è che lasci delle falle di sicurezza. In questo caso, il divieto di vendere negli Usa non servirebbe a nulla: infatti, sarà sufficiente che un cittadino americano invii informazioni sensibili a un qualunque contatto nel mondo che utilizza uno smartphone Huawei perché la sicurezza nazionale venga messa a rischio. Ma forse la spiegazione è più semplice. Non dimentichiamoci che il brand cinese è il secondo produttore mondiale di smartphone e che lo scorso anno ha venduto oltre 100 milioni di device e che nel solo Q1 2019 ne ha venduti quasi 60 milioni. E quindi per Google e numerose altre compagnie americane potrebbe non essere facile fare a meno di Huawei.

Contenuti correlati : google huawei dazi trump android smartphone usa

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy