06 Dicembre 2018  09:35

Huawei, arresto della Cfo su richiesta Usa

Roberta Broch
Huawei, arresto della Cfo su richiesta Usa

Foto da Il Corriere della Sera

Meng Wanzhou, figlia del fondatore del colosso cinese, rischia ora l’estradizione. L’accusa è di aver violato l’embargo nei confronti dell’Iran

La crisi fra Cina e Usa segna un salto di qualità con l’arresto della Cfo di Huawei, Wanzhou Meng, figlia del fondatore Ren Zhengfei. Il fatto è avvenuto a Vancouver lo scorso 1° dicembre, anche se è emerso ieri, su richiesta degli Usa che hanno domandato l’estradizione. L’accusa è di aver violato l’embargo nei confronti dell’Iran. Subito il governo di Pechino ha protestato esigendo la liberazione. L’udienza sulla convalida del fermo è stata fissata per domani a Vancouver.

 

Nello specifico, secondo vari quotidiani, Wanzhou Meng, 41 anni, è stata bloccata lo scorso sabato all’aeroporto di Vancouver in Canada, durante una tappa di trasferimento in un volo intercontinentale. E proprio in quelle ore a Buenos Aires Donald Trump e Xi Jinping discutevano sulla guerra dei dazi e decidevano una tregua di 90 giorni per risolvere il contenzioso. Un’azione distensiva che probabilmente verrà ritrattata, se si pensa che i cinesi considerano l’arresto eccellente come uno schiaffo e un doppio gioco da parte americana.

 

Secondo molti quotidiani, lo ‘schiaffo’ non si limita a questo: il gigante delle telecomunicazioni cinese è accusato da Washington di “operare per minare gli interessi della sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, come ha affermato il senatore repubblicano Ben Sasse. Accuse e sospetti di possibile spionaggio a favore del governo di Pechino che si rincorrono da anni e che Huawei ha sempre negato. Ma intanto la Casa Bianca sta facendo azione di lobby per scoraggiare Paesi alleati dal dotarsi di sistemi di telecomunicazioni Made in China.

Contenuti correlati : Wanzhou Meng Donald Trump Xi Jinping Huawei Usa Cina

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy