05 Aprile 2018  09:32

Il “caso” Mediaworld arriva a Palazzo Marino

Aldo Cattaneo
Il “caso” Mediaworld arriva a Palazzo Marino

Ieri, presso la sede del comune di Milano, si è tenuto un incontro tra i tecnici dell’Assessorato alle Politiche per il lavoro e Attività produttive e i rappresentanti dei sindacali

Palazzo Marino ha rilasciato ieri una nota ufficiale nella quale si precisa che: “Il comune di Milano segue da vicino e con attenzione l’evolversi della situazione dei lavoratori Mediamarket, la società che controlla i negozi a marchio Mediaworld, a seguito delle annunciate chiusure dei punti vendita di Grosseto e Milano Stazione Centrale, del trasferimento della sede di Curno in provincia di Bergamo a Verano Brianza e della denuncia di una perdita economica, sul mercato italiano, di 17 milioni di euro. Si è svolto questa mattina l’incontro presso gli uffici dell’Assessorato alle Politiche per il lavoro e Attività produttive, tra i tecnici dell’Assessorato e i rappresentanti dei sindacali di Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs che seguono i lavoratori coinvolti nella vertenza. L’incontro ha fatto emergere la volontà dell’Amministrazione comunale di attivarsi presso gli organi competenti, per dare avvio a un tavolo di confronto con i rappresentanti dell’azienda al fine di comprendere i reali interessi e i relativi piani di sviluppo commerciali e distributivi di Mediaworld, per evitare la perdita di posti di lavoro e il depauperamento economico del territorio milanese. In attesa della definizione del prossimo incontro, gli uffici dell’Assessorato alle Politiche per il lavoro, Attività produttive e Commercio continueranno a monitorare la situazione a conferma della la propria vicinanza ai lavoratori coinvolti”.

Contenuti correlati : mediaworld mediamarket Filcams CGIL Fisascat CISL sindacati Uiltucs

ACCADDE OGGI

  • 19 Settembre 2017
    Huawei sfida Apple sui social
    Il prossimo 16 ottobre Huawei lancerà il Mate 10, il primo smartphone del brand cinese con in dotazione il nuovo chipset Kirin 970 che dovrebbe garantire...