31 Luglio 2019  13:08

Il mercato cinese aiuta Huawei

Aldo Cattaneo
Il mercato cinese aiuta Huawei

Nel Q2 2019 il mercato globale degli smartphone registra un-2% con 331,8 milioni di unità spedite. Crescono solo i primi due brand del settore. Apple in picchiata

Secondo le ultime release di Canalys nel secondo quadrimestre il mercato globale degli smartphone è sceso del 2% su base annua a 331,8 milioni di unità. Analizzando l’andamento dei singoli brand, Samsung ha spedito 76,9 milioni di unità nel secondo trimestre del 2019, con un aumento del 6% annuo e del 7% in sequenza. Samsung ha fatto la più grande “rivoluzione” della propria offerta dal lancio dei primi smartphone Galaxy, interrompendo la serie J ed estendendo la serie A a nuove fasce di prezzo. I nuovi dispositivi, dall’A10 all’A80, hanno rappresentato oltre il 50% delle spedizioni Samsung nel secondo trimestre e si prevede che favoriranno la crescita del volume di Samsung per il resto dell'anno. "Samsung ha beneficiato di mercati come l'Europa a maggio e giugno, quando Huawei ha faticato a mantenere la propria posizione", ha affermato Rushabh Doshi direttore della ricerca di Canalys. Nonostante ciò Huawei ha aumentato le sue spedizioni dell'8%, sebbene questa crescita sia molto più bassa rispetto ai trimestri precedenti. Le sue prestazioni sono state sostenute dalla Cina dove è cresciuto del 31%, spedendo 37,3 milioni di unità. Ma è stato pesantemente influenzato all'estero dalla sua aggiunta alla US Entity List, che ha messo a rischio i suoi rapporti commerciali con le società statunitensi. “I principali partner di canale di Huawei sono stati spaventati", ha dichiarato Ben Stanton, analista senior di Canalys. “Gli operatori mobili decidono quali smartphone scegliere con almeno sei mesi di anticipo. Ma in questa fase, la maggior parte dei principali operatori stanno facendo un'eccezione per Huawei, ritardando le decisioni di approvvigionamento in attesa di ulteriore chiarezza". Male Apple le cui spedizioni sono diminuite del 13% a 36,0 milioni di unità nel secondo trimestre. La sua più recente offerta, iPhone XR, XS e XS Max, non è abbastanza differenziata per spingere i clienti ad un aggiornamento della sua base installata, mentre i recenti tagli dei prezzi e un aumento del tasso di permuta non sono stati sufficienti per compensare il declino.

Contenuti correlati : canalys smartphone apple huawei samsung oppo xiaomi

ACCADDE OGGI

  • 19 Agosto 2008
    Pioneer Corp.: un altro trimestre negativo
    Nel trimestre terminato lo scorso 30 giugno il fatturato di Pioneer Corp. è stato di 160,9 miliardi di yen (circa 1 miliardo di euro) in calo anno su...

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy