12 Febbraio 2009  00:00

Pioneer: pesante ristrutturazione

TCgc

La società giapponese punta sull’audio e car business ritirandosi entro marzo 2010 dal mercato flat Tv

Pioneer ha confermato le indiscrezioni dei giorni scorsi (vedi agenzia Pioneer: Stop alla produzione di Tv? Del 9 febbraio ndr) annunciando che a seguito della crisi economica rivedrà le sue linee di business concentrandosi sull’audio e il car. Nonostante l’interruzione della produzione di pannelli al plasma, con la chiusura delle fabbriche in Usa e Gran Bretagna e la riduzione di personale avvenuta nel corso del 2008, la società giapponese prevede ingenti perdite. Per far fronte alla crisi ha deciso di focalizzarsi nello sviluppo di prodotti car, home audio e apparecchiature per DJ. Pioneer, invece, come si legge nel comunicato ufficiale: “nell’Optical disc business sta valutando attentamente la possibilità di creare una joint venture. E si ritirerà dal mercato dei flat Tv entro marzo 2010, ma continuerà ad assicurare le garanzie e i servizi post vendita dei suoi prodotti”. A seguito di questa decisione vi sarà una riduzione delle fabbriche del 30%, una revisione delle funzioni amministrative e R&D per ridurne le dimensioni conformemente alla nuova struttura di business. Per quanto riguarda la forza vendita sarà ridotta in linea con la ristrutturazione della divisione Home Electronics. In totale i licenziamenti coinvolgeranno 6.000 impiegati e 4.000 lavoratori a tempo determinato.

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy