05 Ottobre 2018  11:06

Nel 2018 il 44% degli italiani pratica l’e-commerce

Elena Rembado
Nel 2018 il 44% degli italiani pratica l’e-commerce

Giuliano Noci, Responsabile Scientifico dell'Osservatorio Multicanalità

Lo ha rilevato la ricerca dell’Osservatorio Multicanalità, promosso da School of Management del Politecnico di Milano e Nielsen

Internet e il digitale sono sempre più presenti nelle abitudini di acquisto degli italiani: gli individui multicanale, ovvero gli utenti che usufruiscono di servizi di e-commerce, sono ormai 35,5 mln (pari al 67% della popolazione sopra i 14 anni), in crescita di sette punti percentuali rispetto ai 31,7 mln del 2017, dopo cinque anni di stabilità. È quanto è emerso dalla ricerca dell’Osservatorio Multicanalità, promosso da School of Management del Politecnico di Milano e Nielsen. A crescere di più, tra gli utenti multicanale, sono gli eShopper, gli individui che utilizzano Internet in tutte le fasi del processo di acquisto, che nel 2018 arrivano a quota 23,1 mln (erano 20,6 mln nel 2017). In questo gruppo il segmento più numeroso è quello degli Everywhere Shopper (6,6 mln), i consumatori più evoluti che si muovono liberamente da un canale all’altro nella loro relazione con i brand, ma la crescita più significativa riguarda i Cherry Picker (+1,9 mln sul 2017), i più conservatori che si affacciano per la prima volta al mondo dell’e-commerce. Risulta invece più contenuto l’incremento degli InfoShopper, che usano la rete soltanto per informarsi e non per concludere l’acquisto, che nell’ultimo anno sono saliti a 12,4 mln, 1,3 mln in più di un anno fa.

«Dalla ricerca emerge una progressiva convergenza del ruolo degli spazi di comunicazione e vendita», afferma Giuliano Noci, Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Multicanalità. «In primo luogo, si riduce sempre più il gap tra il fenomeno dello showrooming (ricerca di informazioni in punto vendita fisico e acquisto online) e dell’infocommerce (ricerca di informazioni online e acquisto in negozio fisico), praticati rispettivamente dal 48% e dal 53% degli individui multicanale nel 2018. Tra gli eShopper poi, si diffondono percorsi di acquisto che vedono un impiego sinergico e ibrido di touchpoint online e offline, utilizzati sia per la ricerca di informazioni che per l’acquisto vero e proprio. Il punto vendita, infine, mantiene una sua centralità nel processo d’acquisto anche per i segmenti più evoluti, ma con una vocazione diversa, che affianca la dimensione esperienziale all’acquisto».

Contenuti correlati : eShopper Everywhere Shopper Cherry Picker InfoShopper dimensione esperienziale acquisto e-commerce Osservatorio Multicanalità Politecnico di Milano Nielsen punto vendita

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 08 Aprile 2019
    Dove sono finiti i consumatori?
    Uno dei problemi che ci solleva il retail è il calo di pedonabilità. Parlando però con alcune insegne ci siamo resi...
Arianna Sorbara - Progetto Cucina

ACCADDE OGGI

  • 16 Giugno 2010
    Il Gruppo Leader comunica gli incentivi
    Il Gruppo Leader di Federmobili, che riunisce oggi circa 50 soci rivenditori di mobili, ha deciso di avviare nei prossimi giorni una campagna...

Ricevi la Newsletter!

Cucine e Built In

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy