11 Ottobre 2016  11:31

Imaginarium, tra stampanti 3D e conti da monitorare

Daniela Sapone
Imaginarium, tra stampanti 3D e conti da monitorare

Per la catena, che anche grazie a Imaginieer punta su ricerca e tecnologia, perdite in aumento e caccia a nuovi soci

Tra innovazione e conti da monitorare. Imaginarium, catena di negozi di giocattoli nata 22 anni fa a Saragozza in Spagna e che oggi conta quasi 400 negozi, è divisa tra la continua ricerca che da sempre la caratterizza e la necessità di controllare i costi. Si chiama, infatti, Imaginieer, la prima stampante 3D destinata ai piccoli lanciata dall’azienda i cui conti, però, come sottolinea l’articolo pubblicato sull’inserto Affari & Finanza di Repubblica, cominciano a destare qualche preoccupazione. La società ha, infatti, chiuso il 2015 con 9,3 milioni di euro di perdite - il 21% in più rispetto all’esercizio precedente - e il fatturato, che nel 2013 era arrivato a sfiorare i 105 milioni di euro, si è ridotto a 99,4 milioni (-3,4%), mentre il margine operativo lordo è cresciuto del 15%. Eccessivo, sarebbe secondo l’analisi del quotidiano, l’incremento della spesa operativa, dovuto all’apertura di troppi negozi. Tanto che il prossimo passo, già in fase sperimentale, sarebbe quello di una ristrutturazione dei negozi. Non solo, il presidente Félix Tena, che attualmente controlla il 61% delle quote azionarie, sarebbe pronto ad aprire Imaginarium all’ingresso di nuovi soci.

Contenuti correlati : Imaginieer Félix Tena Imaginarium stampante 3D conti soci
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Settembre 2020
    Una ripresa possibile
    Parliamo dei risultati del primo periodo di riapertura in questo numero di Toy Store. Lo facciamo dando voce sia ai...
Wajda Oddino - Toy Store

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Giocattoli

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy