10 Maggio 2019  10:21

Una bottega piena di emozioni

Silvia Balduzzi
Una bottega piena di emozioni

La case history dell’insegna Carta da Zucchero, inaugurata a Torino nel 2017. L’intervista alla titolare Michela Pallieri

Partiamo dalla nascita e della storia del punto vendita. Quando è stato fondato, con quali obiettivi e come è organizzato oggi?

«Dopo la laurea all'Accademia di Belle Arti, un’esperienza ventennale come Responsabile Formazione del Personale addetto alla vendita per una grande azienda, ho deciso di mettermi in “gioco“ realizzando il sogno che covavo da molto tempo. Carta da Zucchero apre il 7 settembre 2017 con un'insegna indipendente, dopo un attenta analisi della zona e della potenziale clientela. Ci troviamo nello storico Quadrilatero Romano, in pieno centro a Torino, zona caratterizzata però non da grandi corsi, ma strette e caratteristiche vie dallo stile vagamente parigino. Carta da Zucchero è una piccola location angolare anch’essa dall'aria francese sia per l'arredo sia per la presenza dei marchi.

Quali sono le categorie merceologiche trattate e i marchi e con quali criteri componete il vostro assortimento?

Djeco, Janod, Kaloo, Moulin Roty riempiono gli scaffali e una vecchia culla, ospita gli originali peluche Jelly Cat e i noti Teddy Bear firmati Bukowski. Ho escluso a priori dalla selezione gli articoli puramente commerciali e pubblicizzati, ma ho puntato l'attenzione su giocattoli educativi e creativi, immaginando che i residenti e i frequentatori di questa particolare zona avrebbero capito e apprezzato.

Che tipo di servizi offrite alla vostra clientela?

I servizi offerti alla clientela sono le costanti proposte di novità, frutto di un’attenta e capillare ricerca, e un orario d'apertura che nella bella stagione, essendo zona di movida serale, si allunga anche fino alle 23, consentendo uno “ shopping giocoso” durante il momento dello svago aperitivo/cena, rito apprezzatissimo in questa zona di Torino, oltre all' attenzione al cliente e la cura dei dettagli anche per le confezioni regalo.

Come utilizzate Internet e i Social network?

I social? Sì certo la pagina Facebook e Instagram tengono aggiornati i fedeli e i curiosi sui nuovi arrivi, il bello qui però è diverso, si torna alle vecchie abitudini, un negozio fisico, il rapporto umano e novità da tutto il mondo nel clima romantico di una bottega piena di emozioni.

Quali gli obiettivi per il 2019?

L’obiettivo del 2019 è quello di continuare a crescere con il sogno di poter ampliare gli spazi in modo tale da avere la possibilità di organizzare eventi e laboratori creativi.

Quali sono i vostri progetti per il futuro?

I risultati non si sono fatti attendere, la clientela ha immediatamente apprezzato questo piccolo “paese dei balocchi” dall'aria un po’ retrò, che attrae i piccoli ma fa anche sognare i grandi. Credo che il segreto del successo sia per gran parte questo.

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 28 Febbraio 2019
    DINAMICI PER FORZA
    Il Giocattolo archivia un altro Natale, caratterizzato da differenti velocità. Alcuni degli operatori del canale...
Silvia Balduzzi - Toy Store

ACCADDE OGGI

  • 23 Maggio 2012
    Paolo Taverna commenta il trend 2012
    Paolo Taverna, direttore generale Assogiocattoli, commenta l’andamento di questi primi mesi del 2012 mandando un incoraggiamento agli operatori del Giocattolo.

Ricevi la Newsletter!

Giocattoli

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy