15 Gennaio 2010  10:54

Appello di autori e produttori tv contro il dlgs Romani

TVLP
Appello di autori e produttori tv contro il dlgs Romani

Pubblichiamo di seguito l’appello lanciato da100autori, Anac, Apt, Art affinché il governo faccia marcia indietro sulle disposizioni – attualmente in esame in commissione -ritenute penalizzanti per l’intero mercato audiovisivo

«In tutti i paesi del mondo occidentale l’industria dell’audiovisivo è considerata una formidabile risorsa strategica per l’economia e la cultura.
La produzione di fiction, di cinema e di documentario genera enorme ricchezza, crea migliaia di posti di lavoro altamente qualificati e incide in modo determinante nell’elaborazione dei valori fondativi della comunità.
La capacità di produrre narrazione audiovisiva corrisponde alla capacità di un paese di raccontarsi e comprendersi. Premessa necessaria al dialogo democratico tra i popoli e le nazioni.
Per questo la Comunità Europea invita gli Stati membri a programmare politiche economiche destinate allo sviluppo del settore audiovisivo.
Un invito che il Governo Italiano ha ora deciso di disattendere.
Il decreto legislativo che le commissioni di Camera e Senato si apprestano ad approvare, svela l’intenzione di questo governo di indebolire l’industria della produzione audiovisiva indipendente italiana.
I produttori, gli autori e i lavoratori del settore audiovisivo chiedono:

  • - Che sia reintrodotta la norma che prevede l’attribuzione ai produttori indipendenti dei diritti residuali, condizioni minima necessaria allo sviluppo di un mercato dell’audiovisivo libero ed efficiente.
  • - Che siano reintegrate le quote di programmazione di prodotto audiovisivo europeo indipendente “recente” nelle fasce di massimo ascolto del palinsesto televisivo.
  • - Che siano immediatamente reintegrate le quote di investimento riservate al cinema e al documentario italiano.
  • - Chiedono inoltre che venga al più presto aperto un tavolo di confronto tra il Governo, le associazioni di autori e produttori e i sindacati che porti a una riforma ampia e condivisa del sistema audiovisivo nello spirito delle indicazioni comunitarie.

Le associazioni dei produttori, degli autori e i sindacati convocano per Martedì 19 gennaio presidi di protesta di fronte alle sedi RAI, Mediaset e Sky per affermare con forza la loro opposizione a una norma che umilia un settore decisivo per l’economia e la cultura del nostro paese e mette a rischio decine di migliaia di posti di lavoro».

100autori (Associazione dell’autorialità cinetelevisiva)
ANAC (Associazione Nazionale Autori Cinematografici)
APT (Associazione Produttori televisivi)
ART (Associazione Registi Televisivi)
SACT (Scrittori Associati di Cinema e Televisivone)
SLC-CGIL (Sindacato Lavoratori della Comunicazione)
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 29 Gennaio 2021
    La nuova televisione al giro di BOA
    L’assunto è certo: causa pandemia gli ascolti sono cresciuti e la pubblicità è diminuita. Ergo, mentre la tv funziona...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 06 Marzo 2018
    Sky: F1 in 4K Hdr
    Sky Sport scalda i motori dei Mondiali di Formula 1 e Moto Gp, con un totale di 40 gare in diretta di cui 28 in esclusiva live (sette in più rispetto alla precedente stagione).

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy