06 Giugno 2007  00:00

Associazione magistrati: no ai processi mediatici

TVec

Anche il Garante della privacy si appella ai media, in vista dell’incidente probatorio sul caso Rignano

L’Anm, associazione dei magistrati, ha sottolineato in una nota la preoccupazione nei confronti della gestione dei fatti di cronaca da parte dei media che dimostra la “tendenza ad una degenerazione indirizzandosi sempre di più verso un modello di processo mediatico”. La magistratura non è la sola a preoccuparsene. I legali delle famiglie dei bambini di Rignano hanno chiesto infatti al Garante della privacy di vigilare sui media per evitare l’insorgere di pregiudizi nei confronti del caso, in vista dell’incidente probatorio. Il Garante ha subito invitato stampa e tv a evitare la spettacolarizzazione dei fatti.

Iscriviti alla nostra newsletter

EDITORIALISTI

  • 07 Ottobre 2020
    New Normal, NEW TV
    C’è un’espressione ricorrente in queste settimane di ripresa autunnale, seguita al terribile lockdown del Paese, ed è New Normal.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy