27 Aprile 2017  10:26

Gli sceneggiatori Usa minacciano lo sciopero

Eliana Corti
Gli sceneggiatori Usa minacciano lo sciopero

Lo sciopero degli sceneggiatori del 2007

Come nel 2007, l’industria televisiva Usa corre il rischio di stop alle produzioni

Serie Usa (e non solo) a rischio sciopero, come nel 2007: la Wga - Writers Guild of America, il sindacato degli sceneggiatori Usa, sta attualmente negoziando il rinnovo del contratto con la Amptp - Alliance of Motion Picture and Television Producers, in scadenza il 1° maggio. Il sindacato, che rappresenta circa 12mila professionisti, si sta battendo per modificare il compenso dei propri iscritti, diminuito da quando le reti preferiscono commissionare serie da 8/10 episodi invece dei classici 22-24. Secondo quanto dichiarato in una lettera da parte del sindacato, il salario medio di un autore-produttore tv è diminuito del 23% e non è stato controbilanciato da altre formule di compensazione. Allo stesso tempo, le società hanno guadagnato profitti per 51mld di dollari. Gli sceneggiatori hanno chiesto un incremento del 3% sul salario minimo e un incremento sui diritti residuali per i programmi Svod ad alto budget, oltre che tornare a discutere del trattamento pensionistico e di un aumento della copertura sanitaria. Se non si raggiungesse un accordo e si decidesse per lo sciopero (già approvato dagli iscritti) l’intera industria dell’audiovisivo sarebbe a rischio, a partire dalla prossima stagione televisiva, così come dai programmi, come i reality, in onda ogni giorno. Lo sciopero del 2007, durato circa 100 giorni, costò al settore perdite per 2,5mld di dollari.

Contenuti correlati : wga sceneggiatori sciopero
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 07 Ottobre 2020
    New Normal, NEW TV
    C’è un’espressione ricorrente in queste settimane di ripresa autunnale, seguita al terribile lockdown del Paese, ed è New Normal.
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy