11 Ottobre 2017  09:52

Pirateria: in carcere con il card sharing

Eliana Corti
Pirateria: in carcere con il card sharing

La sentenza della Corte di cassazione: chi guarda Sky senza aver pagato l’abbonamento rischia sanzioni penali

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso contro la condanna a quattro mesi di reclusione e 2mila euro di multa nei confronti di un uomo reo di aver evaso il canone di abbonamento di Sky ricorrendo al “card sharing” (la fruizione dello stesso abbonamento grazie al collegamento di vari decoder a un decoder server cui è associata la smart card). L’azione si configura infatti come violazione del diritto d’autore (art. 171 octies legge 633/1941). Il ricorrente aveva acquistato i codici sul web; l’articolo in questione punisce l’importazione, la distribuzione, il noleggio, la vendita e la cessione di attrezzature “taroccate” per eludere le misure di protezione. Le sanzioni, ha spiegato la Corte, si estendono anche a chi se ne serve per uso privato. Secondo il ricorrente, invece, la norma è riservata esclusivamente alle attività illecite a livello professionale.

Contenuti correlati : sky cassazione pirateria card sharing

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 04 Luglio 2018
    IL NUOVISMO NON È INNOVAZIONE
    Sapete qual è la parola d’ordine più gettonata a ogni presentazione di palinsesti o a ogni semplice conferenza stampa di rete o di programma?
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

  • 17 Luglio 2008
    Rai: Saccà non sarà licenziato
    Agostino Saccà non sarà lincenziato. Ieri, nel corso del cda, i consiglieri hanno respinto la proposta di licenziamento del direttore di RaiFiction,...