07 Aprile 2015  11:27

Riforma Rai: vertici licenziabili

eliana corti
Riforma Rai: vertici licenziabili

All’amministratore delegato spetta la nomina di manager e direttori di rete

Amministratore delegato e consiglieri potranno essere licenziati: è uno dei punti principali della riforma Rai voluta da Renzi e pubblicata sul sito del governo. Secondo il progetto, l’amministratore delegato (votato dal cda su proposta dell’assemblea dei soci) rimane infatti in carica per tre anni, a meno che il cda non ne revochi le deleghe dopo essersi consultata con l‘assemblea dei soci (il ministero dell’Economia e Siae). Al manager spetta un’indennità pari a tre mensilità. All’ad spetta (in autonomia, senza il voto del cda) la nomina dei vertici Rai - come i direttori di rete - e la definizione dei compiti; può firmare contratti del valore massimo di 10mln di euro. Inoltre, i contratti per acquistare o sviluppare produzioni non rientrano nel regime degli appalti pubblici. Licenziabili anche i consiglieri: in questo caso servirà la delibera dell’assemblea dei soci e il voto favorevole dell’assemblea di vigilanza. Il contratto di servizio sarà rinnovato ogni cinque anni, non tre.

In allegato, il Ddl Rai pubblicato sul sito del Governo.

 

Contenuti correlati : Amministratore delegato direttori di rete consiglieri licenziamento riforma Rai Renzi
Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 29 Gennaio 2021
    La nuova televisione al giro di BOA
    L’assunto è certo: causa pandemia gli ascolti sono cresciuti e la pubblicità è diminuita. Ergo, mentre la tv funziona...
Linda Parrinello

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Televisione

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy