22 Novembre 2017  17:48

Quali tipologie di famiglie comprano più prodotti efficienti?

Elena Reguzzoni
Quali tipologie di famiglie comprano più prodotti efficienti?

I nuclei “molto impegnati” sono più predisposti ad acquistare un prodotto a basso consumo perché hanno poco tempo per tutto, anche per i comportamenti virtuosi

Quali sono comportamenti delle famiglie italiane sul fronte dell’efficienza energetica e quali nuclei comprano maggiormente prodotti efficienti? Ce lo dice l’Osservatorio Green di Eumetra Monterosa. “Per prima cosa vanno dette due cose: prima di tutto, non ci sono comportamenti orizzontali a tutte le famiglie; secondariamente che l’evidenza macro che è stata confermata dalla nostra indagine è che le azioni virtuose per risparmiare energia costano fatica alle persone e quindi non vengono messe in pratica spesso anche perché richiedono tempo ed energie, oltre che denaro e cultura” ha affermato Rosanna Savoldelli, responsabile delle ricerca: “Detto ciò, possiamo dividere le famiglie in due grandi cluster. Da una parte abbiamo le famiglie con figli ancora in casa e le giovani coppie o i giovani single, ovvero tutti quei nuclei che sono molto impegnati e quindi hanno poco tempo per tutto, compreso per l’efficienza energetica. Questo vuol dire che anche in questo primo cluster di famiglie nelle quali c’è una attenzione ai temi dell’ambiente, c’è una conoscenza sulle tecnologie più evolute, c’è più progettualità perché hanno di fronte grande parte della loro vita, e non da ultimo nel quale si consuma di più, e quindi dal quale ci si aspetterebbero più azioni virtuose, nella vita tende a sostituire le stesse con dei prodotti o delle soluzioni che siano efficienti per loro. In altre parole, acquistano più facilmente una lampadina ad altissima efficienza o una lavatrice in tripla classe A, piuttosto che spegnere le luci quando escono da un locale o usare la lavastoviglie solo quando è a pieno carico. Questo cluster rappresenta il 40% dei nuclei famigliari indagati”. L’altro cluster - costituito più da nuclei famigliari monocomponente o da coppie però più mature, che hanno figli, ma già indipendenti e fuori casa, quindi parliamo nuclei più piccoli e meno attivi, con anche minore cultura digitale, tecnologica ed ecologica soprattutto se risiedono in provincia – “e fatto da famiglie che consumano di meno però che adottano più comportamenti virtuosi sia della media generale sia del cluster precedente. Di contro comprano meno prodotti in base alla loro efficienza energetica e sono pure meno predisposti ad adottare soluzioni che possono aiutarla, soprattutto se sono molto innovative, vedi smart home”.

Iscriviti alla nostra newsletter

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Bianco e Ped

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy